archetipi – francesca salvador

Archetipi – francesca salvador

leggere questa pagina oggi è FONDAMENTALE

                                       

questo sito serve per ritrovare la regalità e la sovranità che avevamo scordato – leggete qui 

 

e in tanti altri siti e video che di questo vi informano

In questo sito, per archetipi si intendono i 22 movimenti della forza, è la specificità di questo sito e di tutto ciò che qui viene manifestato e agito. Oggi questo deve servire per ritrovare noi stessi, uno per uno. Italiani. Umani. Terrestri. – leggete qui

Sono francesca salvador

il mio nome scritto tutto in caratteri minuscoli e senza maiuscole è deliberatamente così.

Sono una donna autodeterminata, vale a dire che ho negato il consenso al “sistema Italia” che non è una nazione ma solamente una società per azioni – una S.P.A. – iscritta alla S.E.C di Washington.

Come riportato nel documento del quale questo è il link 

 “Molti Cittadini italiani pensano di far parte di una repubblica denominata REPUBBLICA ITALIANA, in realtà, dal 1933, il nostro Stato è diventato una Corporation Privata iscritta al S.E.C.:
L’Italia non è una repubblica, ma una Corporation Privata dal 1933.

  • leggete qui sotto

… Di fatti il Dun & Bradstreet che è una Società Americana Leader nelle Informazioni dei Movimenti Creditizi Relativi a
265.000.000 di Aziende nel Mondo e Destinate al Marketing (B2B) Business-to-Business, dimostra che TUTTO
l’Apparato Istituzionale Italiano è PRIVATO e quindi il Governo della Repubblica Italiana, Camera dei Deputati,
Senato della Repubblica Italiana, Regioni anche Autonome, Tribunali, Procure e tutti gli apparati destinati alla
tassazione del popolo sono da dichiararsi illegittimi ed anticostituzionali.
Sono altresì da ritenersi invalidate tutte le passate elezioni e quelle future, in quanto esse rappresentano la delega
alle politiche sociali dei cittadini ad una Corporation Privata e non a parlamentari della Repubblica Italiana.
Ad ulteriore conferma di queste asserzioni è il fatto che l’U.E. non è stata eletta dal popolo, ma, nonostante questo,
decide le politiche sociali degli Stati europei, mentre il parlamento europeo non ha nessuna facoltà decisionale.
Inoltre la B.C.E. che stampa l’euro addebitandolo al popolo invece di accreditarlo è una S.P.A. privata che decide
come, dove e quando mettere in ginocchio le nazioni, essendosi appropriata della sovranità monetaria.
Prima degli accordi di Bretton Woods, le Banche degli Stati dovevano avere una quantità di oro nei loro forzieri pari

e leggete il seguito qui …..

o in qualsiasi altro sito o video che vi informi su questo

è fondamentale.

Questo è noto da anni, è tempo che tutti ne siamo al corrente.  

Tutto questo sito ruota attorno a tematiche di ricerca, di presa di coscienza, di rinascita interiore e nel mondo, affinché io, per me stessa, e ogni essere vivente, innanzitutto i miei amici e fratelli italiani, ci riprendiamo: dignità grandezza potere bellezza forza e tutto ciò che rende all’essere umano il suo valore inestimabile di “uomo – donna – esseri terrestri ed umani”., ciascuno per se stesso valore sacro ontologicamente e concretamente fondato.

Archetipi – francesca salvador
Archetipi – francesca salvador

        Questo sito ha il funzione di:

collaborare per ricostruire una nazione di esseri viventi, donne e uomini consapevoli, determinati, potenti, sani, integri coerenti, giusti e tanto altro di bello edificante e sacro l’essere vivente ha in se stesso. Nel massimo e attenta cura della Terra del territorio nazionale, di ogni altro popolo della Terra.

La Terra è dei viventi – terrestri – consapevoli – del proprio valore e della sacralità dell’esistenza in questo meraviglioso pianeta.

Terra piatta. Sistema solare tutto da riformulare

Fine delle menzogne farlocche con cui questo sistema fondato sulla menzogna e sulla frode ha spadroneggiato per secoli e millenni raggiungendo il massimo della vergona e dell’ingiustizia in questi ultimi due secoli.

Mi occupo di consulenze alla donna e all’uomo vivi 

sono scrittrice e insegnante

. La ricerca che ha sempre caratterizzato la mia vita è: la presa di coscienza di se stessi e della realtà. Viene chiamato anche cammino interiore.

Oggi però, il cammino interiore rischia di essere penalizzato e impedito dalla prigionia sistemica in cui i popoli e i singoli si trovano a vivere. Per questo bisogna ritrovare un’esistenza terrena e materica dignitosa.

Ciò che affermo oggi di me è la risultante di un’osservazione, quasi continua, di ciò che sono e dei miei movimenti. Così come dei movimenti degli esseri viventi che incontro.

Per questo vi invito, innanzitutto, a informarvi sulle situazioni sociali, politiche e finanziarie, ma vi chiedo di farlo da fuori dai canali istituzionali. Nel mainstream non avete l’informazione ma la manipolazione. Oggi per molti di noi è il momento di partecipare alla risalita dell’umanità.

Questa è l’informazione fondamentale

Ora, vi parlo di me e di questo sito

Probabilmente questo fa parte di ciò che io chiamo “il programma” ovvero del file, dell’ologramma che ci diamo quando decidiamo di venire in questo mondo. Sono tutte supposizioni, modi di spiegarsi le cose, forse domani si cambia. Non lo so. Diciamo che non sono certa di nulla.

Invece, sono solita affermare che:

Mi piace vivere.

Sono la risultante di questo percorso di consapevolezza e di autrice.

Dalla vita ho avuto tutto. E ciò che sto vivendo ora, è il godermi tutto.

Ho viaggiato

studiato e lavorato fuori dal mio territorio di origine, il Veneto, ma vi ritorno sempre volentieri, ho ancora amici dell’infanzia con i quali ci troviamo. Ho abitato molti anni in Calabria, nutro per questa terra un affetto, un’ammirazione e una riconoscenza grandissimi. Devo al sole, ai cieli, al mare della Calabria i miei libri. Solo quel mare e quei verd-azzurri potevano rendere il cuore e la mente capaci di comunicare e scrivere. E le persone che là conosco. In Calabria sono nati i miei figli, abbiamo giocato tanto, goduto molto il mare e i viaggi. Oggi abito e insegno a Brescia. Mi occupo soprattutto di dare un contributo alla formazione permanente dei ragazzi nella Scuola Superiore in cui lavoro. 

Soprattutto amo sperimentare

con la mia esistenza, ciò che ogni giorno mi arriva come input, come novità e possibilità. 

Organizzo e seguo seminari sui mandala e sugli archetipi intesi, nella mia ricerca e nei miei scritti, come la via essenziale, diretta e coerente per rendersi conto di chi si è e di dove si va. 

Certo, lavorare con gli archetipi primari, ossia con le lettere degli alfabeti, è un cammino. Non è una conoscenza astratta, né solo intellettiva. E’ soprattutto un’esperienza concreta, di vita, di confronto con se stessi. Il Sé più profondo che siamo, l’inconscio, la nostra storia sia personale che del collettivo umano cui apparteniamo. E’, ancora, un mettere a fuoco la propria personalità e il sogno. L’orientamento della vita, l’equilibrio, le inquietudini, i nodi emozionali, le spinte; gli insight, gli incontri, gli affetti, le storie, le gioie e le difficoltà.

Tutto procede, si snoda, si scioglie, si decanta, prede il volo. Tutto avanza e noi, attenti a noi stessi e nello stesso tempo affidati alla nostra anima, procediamo, fino a che un giorno, o una notte… ecco: abbiamo preso la strada diretta del nostro sogno. E ci inoltriamo. Accadono gli incontri giusti, le indicazioni di percorso, le pause, le soste e le riprese. I cambiamenti, la comprensione del progetto insieme alla capacità di affidarsi, di essere lanciati al centro della propria storia. Qui, facciamo “la scelta perfetta” ossia, le svolte decisive, quelle senza più ripensamenti, siamo nell’istante in cui non c’è più né prima né dopo, e tutto è.

 “il percorso per archetipi”

Ciò che mi sento decisamente di indicare. Certo, a chi è affine, a chi risuona, perché tante, e tutte efficaci e funzionali, sono le strade per arrivare all’Uno, all’Aleph. Questa è una. Può essere che qualcuno la incroci con me.

Per questo ho aperto questo sito e mi impegno, giocando, a presentare la strada degli archetipi. Anni fa, andai a trovare il Prof. Mario Pincherle, archeologo, nella sua casa di Bientina (Pisa) per presentargli un mio lavoro. Avevo preparato, allora, un libretto degli alunni della scuola che, nelle mie classi, avevano seguito un percorso per alfabeti. Avevo pubblicato le poesie degli alunni perché era sorprendente l’apertura, la visione che i bambini avevano saputo comunicare nei loro scritti dopo tale esperienza. Il Professor Pincherle mi disse:

“Questa è la strada”

e io ho continuato, con passione. Perché per me questa è stata ed è un’autentica passione. Per come gli archetipi si sono presentati, mi hanno indicato la strada e soprattutto per come si sono fatti sentire nella mia psiche, nella vita e negli accadimenti. Ho cominciato a usare queste chiavi, e con esse, a fare un’altra lettura di me stessa e del mondo. Ad avere un approccio ben diverso, lo chiamerei vitale con la vita e le persone.

Gli archetipi, quando li accogli e li fai giocare in te, fanno tutto da soli. Ti portano fuori dalle secche della memoria avvizzita e della storia. Oltre, nella vita nuova e appagante.

Questo mi sento di condividere. E, insieme, per chi si inoltra e si appassiona a tale ricerca: indicare, proporre le strade, le strategie che queste chiavi mi hanno insegnato e che ho sperimentato innanzitutto su di me e sulla mia vita.  Esperienze che, giocando e raccontando, stanno raccolte nei miei libri.

Brescia 26 febbraio 2016