Pianeta felice – verso i 400.000

Pianeta felice – verso i 400.000

Pianeta felice

 

Sì, cari lettori, ci stiamo avviando ai 400.000 visite. Stanotte attraversiamo il numero. Per essere un blog che deve andare avanti da solo, mi pare buono il traguardo. Stiamo preparando il decollo del blog e del sito. Stiamo progettando opportunità nell’acquisto dei libri. La piattaforma di moneta alternativa è avviata e useremo lo scambio in buoni acquisto per le offerte dei libri.

Per cui anche i due siti allineati a questo sono pronti: Felix e Valuta la vita.

Innanzitutto vi ringrazio tutti e tanto. Grazie di continuare a seguire questi pensieri e le nostre posizioni. Lo so bene che qui si comunica fuori da qualsiasi coro. Anche se con certe teste ci allineiamo parecchio, ritengo che comunque c’è un quid che è solo del pensiero di questo blog. Questo quid vale sia per i contenuti di fondo, relativi a archetipi, modi di intendere la vita, ecc, sia per come intendiamo l’economia, le interazioni umane, sia per come ci siamo dati la possibilità di uscire dalle stette del mondo del lavoro, del senso del tempo, di come intendiamo usare l’energia moneta.

Pianeta felice 

traghettando

valuta la vita 

Un “VALORE”..

In questo periodo il blog si sta occupando della situazione economica mondiale. Noi non abdichiamo la nostra terrestrità e umanità, anzi.

Per prima cosa vogliamo dare un’affermazione nuova e liberante di che cosa significa e qual’è la funzione dello stare sulla Terra. Se si gira un po’ tra letture autori maestri, eccetera, da sempre si dice che la Terra è un pianeta di “prova”. Siamo qui per imparare, per imparare la lezione. Non certo, non solo riempire la nostra testa di informazioni e dati. Nemmeno solo conoscere e imparare uno o più campi del sapere. Quando Maestri e affini parlano della funzione della Terra intendono la crescita interiore, la possibilità di fare tutta una serie di passaggi dell’anima così da elevarci e anche lasciare definitivamente l’energia terrestre.

Sì, ok.. Ma no, basta. Basta. Vite e vite, o peggio una sola vita magari, non so, solo per star qua a faticare a imparare. Certo, magari poi possiamo andare in un altro pianeta, ma sì ma sì. Andrò. Io intanto voglio vivermi bene questo e godermelo, per cui questo fatto che qui si deve fare fatica – basta.

Magari, come dicono alcuni, abbiamo più livelli, più dimensioni, per cui, man mano che io miglioro, ecco che – sempre sulla Terra sto .- ma accedo a modus vivendi più sereni e godibili.

Questo giù va meglio, ma io sono dell’idea che basta fare le prove e arrampicare. O meglio: possiamo anche studiare, faticare, alla condizione indiscussa che: la fatica, la difficoltà, l’impegno deve sempre restare entro certi parametri di vivibilità e di dignità per qualsiasi essere vivente terrestre ed umano.

Quello che intendo dire stasera è ancora oltre :

  • Mi sto dando da fare a mettere l’energia dell’arcano La torre in ogni cosa esistente in matrix. Il modo come agisco me lo tengo per me, piuttosto vi invito, se avvertite la necessità e la funzione di fare questo, di dar spazio alla vostra inventiva, al vostro genio, seguirlo, e fare anche voi questo passaggio di metter polvere di scrollamento sotto ogni impianto di matrix.

Prima lavora La torreayin – 16 archetipo che fa crollare ogni esistente immatricolato e prigioniero in matrix, poi tutte le energie trovano – da sole – e – senza sforzo .- la loro giusta collocazione. Tutte le energie – basta che seguano l’allineamento alla natura – ed esse questo vogliono – e trovano il come collocarsi sul pianeta e negli impianti delle nuove realtà di Felix. Felix sapete cos’è, in ogni caso ci sono una serie di post su Pianeta felice o Felix, come lo chiamiamo.

Tanto, in Felix, sai quanti mondi creiamo, paralleli tangenti secanti, ecc ecce, che tra l altro sono sempre rinnovabili. Re-inventabili.

Vi chiederete perché mi do tanto da fare e riformulare questi pensieri dello stare sulla Terra e della necessità di pulire dal vecchio. Qui ci stiamo occupando degli impianti di origine. Delle impostazioni della sorgente, i grandi schemi trasparenti che stanno alla radice di ogni nostra creazione in matrix, di ciò che stiamo vivendo, o subendo. Ed è proprio perché sono andata all’origine delle creazioni che ad un certo punto, dopo aver incontrato schemi, impianti, archetipi ecc mi sono imbattuta nel livello appena dopo La fonte, ossia il livello di tutti questi esseri dell’astrale che vorrebbero l’energia Terra a loro uso. Individuati nella forma e modalità che ho spiegato nei post precedenti. (Mi sto riferendo al fatto che siamo tutti co-creatori).

E, così come hanno già rovinato altre energie-pianeta, non gliene importa nulla di ridurre in cenere la Terra. Ma – noi – il gioco l’abbiamo visto e capito. E’ tutto un ologramma, è tutto un teatrino, ma bisogna prenderlo per concreto e vero, e agire. Amiamo la Terra e – noi – ne siamo l’anima gemella, della Terra intendo, ne siamo non solo l’anima gemella, ma la Fiamma. (troverete nei miei ultimi libri questo visione nell’essere Fiamme e anime gemelle con le altre esistenze. Qui nel blog ci sono innumerevoli post). Il lavoro che sto facendo dentro di me è individuare, intercettare i movimenti, gli atteggiamenti, i modi di pensare e di fare, di interagire che – di fatto – non sono dell’umano – ma della parte astrale. Troverete chi intendo per parte astrale nei post precedenti.

Tiritere 1

Tiritera 2

Da un po’ di tempo, e sempre di più, quando osservo e rifletto sulle interazioni umane, sugli eventi, su violenze soprusi ecc, tutto il peggio, lo schema mi balza chiaro e tondo. Vedo, sotto i fatti e gli intrighi, vedo l’interstizio. Lo vedo proprio dove c’è la frequenza che stona, che non è naturale tanto meno pacifica e allineata alla Terra. Si evidenzia la spinta del conflitto, del sopruso; il fatto di voler dominare o controllare. Questo io – io – io – quest’ego esagerato ed esasperato che ritiene di potere tutto sulla Terra. E’ indotto, si tratta di vedere questa trama sottile e iniqua, e agire di conseguenza. Ma non serve a nulla agire fuori, avremmo già risolto. Come mai?

Queste cose le ho già scritte parecchio, anche quando abbiamo osservato gli dei, le funzioni, le energie del sacro, del mito, ecc. 

Ecco, oggi parto dal presupposto che l’Umano va bene, va benissimo così com’è – sempre . Che  ogni situazione che non va bene, che è disarmonica, distruttiva per il singolo, il popolo, il continente, i gruppi etnici, le nazioni, il pianeta, non sono dovuti all’umano ma a quegli umani o pseudo – umani che si sono lasciati infiltrare confondere interferire in pensieri atteggiamenti scelte da questa parte astrale e che perciò attuano comportamenti di: prepotenza supremazia dominio controllo ruberie di rovina per i terrestri e il pianeta, 

ecco: questi atteggiamenti li troviamo nell’Umano da secoli e secoli, e sempre più intensi e virulenti, ma non sono degli umani, bensì della parte astrale con tutti i suoi burattini. 

Ma siamo noi eh, nell’intero scenario.

Lo vedete l’ologramma? Lo vedete il tanto in basso quanto in alto? Tavola di smeraldo.

Lo vedete il frattale?

per cui: questa è la cura.

Nel frattale piccolo e grande corrispondono:

16° archetipo – ayin – ma vedi, l’altra faccia de La torre… ehehe.

Per cui: nel mondo esterno osservo rilevo un comportamento di controllo sopruso ruberia prevaricazione –
 – vado nel mio mondo a cercare lo stesso atteggiamento, lo stesso indizio. Lavoro su di me, sui miei atteggiamenti prevaricatori mettendo l’energia della consapevolezza che io sto agendo

dentro e fuori 

in piccolo e in grande 

che il  movimento che trasformo dentro, ha la sua risonanza fuori

agisco sulla mia vita mettendo la consapevolezza che sto agendo nel Tutto. 

Voi mi direte:

  • Sempre fatto.
  • Eh ma qui si fa con la forza degli archetipi che agiscono sui movimenti energetici, sulle funzioni di ogni situazione. 
  • Oggi agiamo con la Consapevolezza di tutti coloro che sono arrivati a questo, sapendo che questa energia allineata alla Terra, ai viventi, al bene, alle chiavi di origine – i 22 movimenti della forza – questo intento stiamo utilizzando e infilando in ogni situazione. 

ecco, per ora arriviamo a fare questo – in continuazione.

affermando:

  • Io sono la legge che regola il mio mondo.
  • E poi aggiungete tutte le affermazioni trasformative e nuove che volete. O non aggiungere nulla, è uguale. Ci sono alcuni cui piace affermare, aggiungere, inoltrare messaggi, e quelli hanno questo compito per tutti.
  • A presto. E buona notte. Buona trasformazione.  
  • Nun – 14 archetipo – trasformare. arcano n. 14 – La temperanza.
Pianeta felice